Quali sono i migliori HDD Toshiba multimediali? Prodotti, opinioni, info

Vi siete mai chiesti quante foto avete salvato sul vostro fidato hard disk? Quanti ricordi di vacanze, di eventi particolari, di famiglia. Oggi non diamo molto peso a queste cose, ma la quantità di foto è notevolmente aumentata, e tutti noi ne produciamo fin troppe.

Le foto sono solo uno degli aspetti multimediali che contraddistinguno la nostra vita, al giorno d’oggi. E sono entrate di prepotenza nella nostra quotidianità, rendendo necessari non solo nuovi strumenti per migliorare il nostro modo di fare foto, ma anche per archiviarle e conservarle.

Non più i classici, vecchi album fotografici da tenere in armadio o in libreria. Ma schede di memoria, pennette, account cloud… tanti posti diversi dove tenere il tutto. Non c’è dunque da stupirsi se in molti preferiscono avere un hard disk dedicato, dove tenere tutto a portata di mano.

Ora, l’esempio delle foto è forse il più comune, dato che ci riguarda un po’ tutti. Ma c’è anche chi vive il problema su altri fronti. Come quello dei filmati, dei video, di qualunque natura. Quello dei documenti d’archivio, delle presentazioni, dei lavori progettuali. Quello dei progetti, dei concept. Quello dell’arte digitale.

Insomma, chi più ne ha più ne metta! Quel che è certo, è che il multimediale oggi ha un valore diverso rispetto a qualche anno fa, ed include fattori ed elementi nuovi che non possiamo considerare. E che, essendo nativamente digitali, richiede un degno spazio di archiviazione.

Hard Disk multimediale: quali differenze?

Volendo affrontare subito il livello tecnico della questione, diciamolo a chiare lettere: gli hard disk sono tutti uguali. Al loro interno, il funzionamento è lo stesso per tutti. Che lo vogliate utilizzare per le foto, per i film, per i documenti, per i videogame o per chissà cosa altro ancora, non esistono hard disk più o meno ottimizzati per un determinato settore.

Ciò che influisce, invece, sulle prestazioni del vostro disco sono le impostazioni software dello stesso. Impostazioni che vengono controllate al momento del collegamento del disco al vostro computer, e che fungono da “centralina”.

In tal senso si parla di “ottimizzazione dei flussi”, una pratica che ha preso molto piede e che permette di far capire in anticipo al disco ed al computer il tipo di file che verrà riprodotto, al fine di ottimizzarne l’esecuzione.

Nei classici hard disk, un file viene semplicemente archiviato e riprodotto all’occorrenza. Nei nuovi dispositivi, invece, pur rimanendo invariato tale funzionamento di base, si trova il vantaggio di avere un’ottimizzazione on demand in base al file scelto: questa funzione è molto apprezzata dagli amanti del settore multimediale, in quanto evita fastidiosi scatti e rende più fluide le immagini in alta qualità.

Volendo fare una semplificazione estrema, possiamo dire che l’hard disk ottimizza il trasferimento dati per rendere quanto più migliore possibile la sua riproduzione. Una condizione che dunque offre maggiori vantaggi nel comparto audio e video.

Ciò non toglie che un disco maggiormente prestante presenta evidenti migliorie anche in altri campi d’utilizzo, spesso anche sfruttando una serie di software compatibili.

Ottimizzazione tecnica e di servizio

Non c’è solo l’aspetto visivo, quando si parla di ottimizzazione. C’è anche l’aspetto pratico. Aspetto che negli ultimi tempi ha trovato un sempre maggiore apprezzamento da parte degli utenti, che sembrano preferire l’interconnessione e la rapidità dei trasferimenti.

Parliamo dei servizi un tempo definiti accessori, ed oggi parte integrante delle nuove tecnologie. Servizi un tempo offerti da particolari dispositivi, e che oggi si trovano integrati anche nei nostri hard disk. Un esempio? Le funzionalità di rete, la sincronizzazione con i dispositivi portatili, la capacità di fare backup su servizi online.

Tali servizi sono spesso fruibili previa registrazione, e permettono di configurare il nostro hard disk come se fosse un “contenitore” di tutti i nostri file. Il tutto, senza dover passare per macchinosi passaggi al computer o collegamenti via cavo. Oggi il tutto si fa wireless, sfruttando la rete domestica o particolari applicazioni disponibili per i più comuni smartphone.

Si tratta di un modo per avere sempre con se i propri file, e al contempo per tenerli al sicuro in caso di danni accidentali, perdite o furti. Non importa di cosa si tratta, l’importante è custodirli come in una cassaforte digitale.

Anche per questo motivo, i moderni hard disk sono dotati di funzioni di sicurezza avanzate, che vanno dall’impostazione di una classica password alla realizzazione di una directory di accesso, con tanto di nomi utente e password.

Il connubio tra Toshiba ed il settore multimediale

Sono molte le marche produttrici di hard disk e supporti rigidi che vendono i propri prodotti, sopratutto online. Al giorno d’oggi, grazie ad internet è possibile scovare marchi sconosciuti o mai sentiti, per scoprirli diffusi ed apprezzati. O, al contrario, per scoprire che si tratta di colossali fregature.

Nel settore del multimediale, diversi prodotti definiti come top di gamma appartengono al brand Toshiba: storico marchio produttore di supporti solidi, da tempo impegnato nella ricerca di nuove soluzioni moderne e funzionali, si è contraddistinto per la realizzazione di prodotti validi e smart.

I prodotti Toshiba sono dotati di una serie di servizi dedicati che vanno dall’estensione dell’archiviazione su cloud all’ottimizzazione dei trasferimenti, installabili su qualsiasi dispositivo e compatibili anche in mobilità. Ciò ci permette di usufruire di una serie di funzioni avanzate molto comode, specialmente per chi è appassionato di multimedialità e continue riproduzioni.

Non è necessario sfruttarli per poter usare il nostro disco rigido, e non è obbligatorio sottoscrivere nulla o registrarsi. Si tratta di funzioni dedicate proprio a rendere più fluido il rapporto con il nostro drive, più veloce, intuitivo.

Alcune funzionalità sono dedicate, per l’appunto, alla riproduzione multimediale, tanto su computer quanto su televisore. Altre sono dedicate ai trasferimenti, in modo da ottimizzarli e renderli più veloci. Altre ancora all’archiviazione, alla creazione di archivi ed indici per avere sempre tutto sotto controllo.

Funzioni non obbligatorie, come già detto, ma sicuramente comode ed in grado di semplificarci la vita. Un buon disco Toshiba, dove archiviare le nostro foto ed i nostri ricordi, è acquistabile con una spesa di poco più di una cinquantina d’euro nei modelli di base, e tutte queste funzioni, gratuite, possono tranquillamente essere sfruttate a nostro vantaggio.

Back to top
menu
harddisktopt.it