Che significa hard disk fat32? Spiegazione

La prima domanda che può venire in mente, per chi non è proprio esperto, potrebbe essere questa: ma cos’è un hard disk FAT32 ? Ebbene diamo una risposta il più possibile comprensibile. FAT32 è un file system che venne creato da Microsoft un trentina di anni fa, ai tempi di Windows95. E’ un file di sistema che permette ai dischi  e memorie che lo usano di poter essere scritte e lette dalla maggioranza dei sistemi operativi.

Nella pratica più in generale viene usato principalmente per formattare chiavette USB e hard disk esterni, con file di dimensioni non superiori a 4GB.

 

Funzionamento di FAT32

Anzitutto definiamo l’acronimo di FAT ed è: File Allocation Table. A suo tempo prese il posto del precedente FAT16, e nonostante l’evoluzione software questo è lo standard FAT che ancora oggi viene utilizzato in diversi sistemi operativi. Il successore di FAT32 prende il nome di NTFS ed è usato su tutti i sistemi operativi Windows moderni.

L’ampiezza dati in FAT32 è uguale a 32 bit, mentre tra gli attuali file system standard di Microsoft, in particolare l’ampiezza dati di NTFS è pari a 64 bit. Questi valori indicati, sono però solamente una definizione interna del file system e non hanno nulla a che vedere con la distinzione che si fa tra 32 e 64 bit nei sistemi operativi o di come è strutturato il processore. I cluster che può indirizzare FAT32  sono pari a 268.435.456. Di conseguenza la dimensione massima di un cluster nel file system FAT32 è 32 KB.

Modi di utilizzo FAT32

Nonostante l’età ci sono ancora molti supporti per memorizzare i dati dove viene utilizzato FAT32. Alcuni di questi sono le schede di memoria, le chiavette USB e soprattutto i dischi fissi esterni. Spesso viene utilizzato per poter permettere alle vecchie e nuove tecnologie la possibilità di avere una interfaccia tra di loro. Al momento sui nuovi sistemi operativi Windows adopera, come già accennato prima, il file system NTFS, montato su un po’ tutti i computer di ultima generazione costosi e meno.

Una sua evoluzione ossia il exFAT32, essendo più performante farà si che FAT32 possa andare definitivamente in pensione. Per il momento ancora riesce a rimanere a galla, perché utilizzato sui dispositivi di memoria dove le grandezze dei file e il volume dei dati non sono particolarmente grandi da superare i suoi limiti. Stiamo parlando delle chiavette USB e delle schede SD di memoria. FAT32 per questo motivo è comunque ancora utilizzato sui dischi 2,5 e 3,5 pollici .

Vantaggi e svantaggi di FAT32

  • Vantaggi

Nonostante l’età il suo punto di forza più evidente è la sua compatibilità. Questa sua prerogativa gli permette di essere letto dalla maggioranza  dei dispositivi , che hanno ad esempio una porta USB , questi sicuramente potranno leggere una chiavetta  in FAT3. Nello specifico viene utilizzato dagli utenti che lo installano sui ricevitori digitali via satellite, sulle playstation più datate, nei lettori DVD. Lo scambio dati anche se in misura ridotta, tra sistemi incompatibili è ancora oggi possibile grazie a FAT32.

Allora tra i vantaggi c’è ancora l’utilità che FAT32 ricopre per lo scambio dati tra sistemi operativi Windows e altri come potrebbe essere Linus o Mac. E’ comunque inevitabile che al momento con l’utilizzo di memorie di grandi dimensioni uno spazio per FAT32 è sempre più limitato.

  • Svantaggi

Lo svantaggio più importante è che il file system FAT32 prevede una massima dimensione dei file di 4GB  e quindi non si possono gestire file singoli superiori. Se volete inserite nel computer un Dvd di 5-6 GB non potete farlo con una chiavetta formattata in FAT 32.

Un altro limite è sulla partizione che può essere creata in FAT32.

Questo è un altro svantaggio importante in quanto riguarda la dimensione massima di una partizione FAT32. Per quanto riguarda questo problema, il non poter creare partizioni di dimensioni maggiori di 32 GB è un limite; infatti spesso è un valore che viene facilmente superato sia dalle memorie flash che dai dischi rigidi HDD.

Conclusioni

FAT32 può essere al giorno d’oggi una scelta giusta in un’unità USB, che ha la necessità di essere leggibile da più dispositivi possibile . Come abbiano accennato prima  il file system FAT32 ha una compatibilità con tutti i device e con varie versioni di Windows, Mac OS e Linux, e più generalmente con qualsiasi dispositivo che abbia in dotazione una porta USB.

Quello che si può dire con maggiore certezza è  che non è consigliato usare FAT32 per i dischi interni. Il perché di questo è che FAT32 è un  file system che non ha quelle potenzialità che ha attualmente NTFS, ossia la gestione dei permessi e funzioni di sicurezza che appunto sconsigliano l’uso di FAT32 sui dischi interni del computer.

Quello che possiamo fare con FAT32 e avere una certa garanzia di risultati, è di formattare le chiavette USB , facendo bene attenzione che non ci siano file di dimensioni maggiori ai 4GB di memorizzazione.

Insomma, se non vogliamo mettere in un angolo il nostro FAT32, dobbiamo utilizzarlo dove può darci una mano tenendo presente le sue caratteristiche primarie.

Back to top
menu
harddisktopt.it